Home pageLa Storia della parrocchiaCatechesiNewsContatti

Frate Maria Allegra - Biografia

 

Frate Maria Allegra

« Approfondiamo la figura di Frate Maria Allegra »

La situazione si faceva ogni giorno più grave, ed era difficile pensare ad interventi efficaci. R Gabriele, però, non era persona che si fermava dinanzi alle difficoltà; lo scoramento non lo rendeva inoperoso. Vi era nel suo animo un amarezza profonda per il dilagare della propaganda comunista, e per il veleno di menzogne che essa veniva diffondendo nella società cinese per contrastare le religioni in genere, la religione cristiana e la Chiesa cattolica in particolare.

Era seriamente preoccupato per i guasti, non facilmente reversibili, che la propaganda comunista avrebbe provocato nella compagine sociale e nei costumi di vita. Aveva certezza interiore che nel breve volgere di alcuni anni si sarebbe certamente disperso quel patrimonio di fede e di conoscenze dottrinali che generazioni di missionari, con sacrificio e grande amore per l'uomo, avevano diffuso e, cosa ancora più grave, di cui le nuove generazioni non avrebbero mai avuto conoscenza.

P. Allegra, pur già impegnatissimo nella difficile opera di traduzione e nella direzione dello Studio, avvertiva tutta l'urgenza e la gravità di una tale situazione e cominciò a sentire la responsabilità di dover procurare ai fratelli cinesi non solo il nutrimento della Parola per lo spirito, rendendo loro possibile la lettura del Sacro Libro, ma di offrire anche solidi punti di riferimento, attraverso testi e sussidi idonei alla organizzazione della vita sociale. Era necessario fare conoscere la vera dottrina sociale della Chiesa, - sollecita nei confronti dei diseredati, dei lavoratori, dell'istituto familiare, dell'etica del lavoro e della giustizia sociale -; Chiesa presentata, dalla propaganda comunista, come responsabile di situazioni di sfruttamento e di casi di ingiustizia. Per porre un argine a questo dilagare di errori e di accuse ingiuste e bugiarde, bisognava pensare ad un antidoto serio, che avesse la stabile solidità fondata sulla dottrina vera e sulla verità dell'uomo, e potesse svolgere un'azione continuativa e duratura, mediante l'uso di mezzi idonei ed efficaci.

Cominciò così a pensare alla creazione di un Centro di Studi Sociali: gli sembrava, pur nella intrinseca difficoltà della iniziativa, l'unica soluzione adeguata. E si mise subito al lavoro per trovare il modo di realizzarla, chiedendo consigli e pareri. Gli incoraggiamenti non mancarono, sia in Cina che in Italia - fu confortato anche dal sostegno della opinione autorevole di don Luigi Sturzo, - ma furono necessari tempi alquanto lunghi per la realizzazione del progetto.

« continua »

 




Medaglia del Ottavo Centenario della nascita di Sant'Elisabetta d'UngheriaIl TAU per noi, oggi


Spritualità Francescana

La storia di San Francesco di Assisi

Sant'Elisabetta di Ungheria

Sito Ordine dei Frati Minori di Sicilia

 

 




Home     |     Dove Siamo      |     Privacy Policy     |     Login     |     Contatti

Parrocchia S.Maria della Guardia di Catania - Webmaster : Angelo Colina | Luigi Facciponti